DELEGATO DEL PAPA A LOURDES PER LA CURA DEI PELLEGRINI

….. “Dal 1903 l’Unitalsi ha come carisma l’accompagnare i nostri soci in pellegrinaggio a Lourdes e presso i santuari mariani internazionali con attenzione e cura particolari nei confronti di ammalati, disabili, famiglie e bambini in difficoltà. Ci fa gioire e ci responsabilizza il desiderio del Santo Padre di veder crescere l’esperienza del pellegrinaggio, come cammino di un popolo che cerca speranza e bellezza nei santuari mariani; ci riempie di gioia lo sguardo attento della Chiesa al santuario di Lourdes”. Lo afferma l’Unitalsi commentando la notizia della nomina di mons. Antoine Herouard a delegato del Papa presso il santuario mariano di Lourdes. “Lourdes è luogo di carità e di annuncio di fede e per noi e per i tanti soci sofferenti, pellegrini e volontari che sentono Lourdes come ‘casa della associazione’ l’attenzione del Papa – sottolinea ancora Unitalsi – conferma la necessità di vivere in pienezza, serietà, verità e gioia la nostra presenza nel Santuario della Vergine di Lourdes. Continueremo con rinnovato e crescente impegno il nostro servizio silenzioso accanto ai più fragili”.

Da quanto si apprende dalla lettera, lo stesso Fisichella ha svolto nei mesi scorsi una missione come “inviato speciale” presso il santuario che ogni anno vede arrivare milioni di pellegrini provenienti da ogni parte del mondo. «A seguito delle verifiche», condotte appunto dall’arcivescovo a capo del dicastero per la Nuova evangelizzazione, «desidero comprendere quali ulteriori forme il santuario di Lourdes possa adottare, oltre alle molteplici già esistenti, per divenire sempre di più un luogo di preghiera e di testimonianza cristiana corrispondente alle esigenze del Popolo di Dio», scrive Francesco. Il presule incaricato non lascerà il suo incarico a Lille.

Il suo mandato infatti sarà limitato al solo santuario mentre la diocesi di Tarbes e Lourdes rimarrà affidata al vescovo Nicolas Jean René Brouwet. La decisione, osservano dalla Santa Sede, è in linea con quella già presa nel 2017 per Medjugorje, dove è stato inviato monsignor Hoser. La nomina del delegato a Lourdes tuttavia non è a tempo indeterminato, come invece è stata quella di Hoser. Per Andrea Tornielli, direttore editoriale del dicastero della Comunicazione, questo significa che, «nelle intenzioni, non si tratta di un incarico permanente ma a tempo, finalizzato alla cura pastorale e spirituale dei pellegrini». E a «promuovere sempre di più la devozione popolare che è tradizionale nei santuari».

I commenti sono chiusi.