Regionale 1 treno ts-ud

RELAZIONE SULL’ANIMAZIONE DEL PELLEGRINAGGIO REGIONALE DELLE SOTTOSEZ.  UDINE, TRIESTE e GORIZIA 10 – 16 GIUGNO 2013

Per le sottosezioni di Udine e Trieste il pellegrinaggio verso Lourdes ha avuto inizio il 10 giugno 2013, utilizzando un treno distinto rispetto alla sottosezione di Gorizia, che si è servita anche di un volo aereo.

Gli animatori Lorenzo Mazzega e Nadia Beorchia, presenti sul treno con le rispettive sottosezioni di Udine e Trieste, hanno rilevato che  il numero dei partecipanti, rispetto agli anni precedenti  era  assai ridotto.

I pareri raccolti hanno evidenziato quali cause a quanto sopra, la crisi economica ed occupazionale che affligge le nostre comunità, e il rilevante costo del viaggio.
In questo ultimo viaggio si è notata la presenza di pellegrini abituali verso la grotta di Massabielle, e di altri che, invece, cercavano per la prima volta l’incontro con una realtà misteriosa e sacra,  come quella rappresentata dalla grotta di Lourdes.

A causa delle varie funzioni che, spesso, siamo chiamati a svolgere all’interno delle rispettive sottosezioni, non sempre riusciamo a soddisfare gli obbiettivi a cui siamo stati preposti; le attività richieste sono tuttavia assicurate tramite un vero e proprio tour de force, che consente di curare sia l’animazione  che il coordinamento.

Tuttavia il desiderio di giungere a Lourdes, rappresenta per i pellegrini, il cammino nel quale, si vive un’esperienza nuova e dalla quale si esce totalmente cambiati.
L’esperienza del pellegrinaggio è sempre meravigliosa, e questo grazie al  lodevole impegno, all’educazione e alla paziente disponibilità dei barellieri e delle dame, che, nonostante il momento in cui viviamo, dimenticano il quotidiano per mettersi a disposizione del pellegrino, e soprattutto dell’ammalato. Consapevoli che il luogo che andiamo a visitare è un’oasi di pace e d’amore.

Varie volte durante i nostri pellegrinaggi riflettiamo sulle motivazioni che ci spingono verso la grotta di Massabielle,  e trovare una risposta al senso della vita nel vedere tanta sofferenza  diventa, spesso motivo di introspezione profonda nella propria anima.

All’arrivo a Lourdes si respira un’aria nuova e carica di emozioni  che aspettano
di essere vissute, intrisa di amore e di fede;  Tali sensazioni non vanno tenute per sé ma condivise con il pellegrino.  Sostenuti da tale spirito, la stanchezza non si sente e le piccole difficoltà di carattere organizzativo sono superate, e anche l’incontro con i colleghi diventa stimolo per concertare la   programmazione di diverse attività  da effettuare nei giorni di permanenza a Lourdes.

Se le celebrazioni sono momenti  toccanti, nei quali ognuno dei presenti si immerge nel clima del silenzio e della meditazione, non da meno è la partecipazione alle visite dei Mosaici, al mulino di Boly, al Cachot, al museo di Santa Bernardette, al Bureau Medical, l’Hospice e il cammino dell’acqua.

Anche quest’anno, con un discreto numero di pellegrini, è stato possibile rivisitare la Chiesa di Betharram e il percorso della Via Crucis, con esposizione dei momenti storici da parte degli animatori presenti.

I partecipanti hanno seguito le visite ai vari siti con particolare interesse, manifestando viva attenzione a quanto era loro reso noto.

L’attività di animazione si è conclusa con un gruppo di pellegrini intenti a visitare le vie di Lourdes  con il trenino, a guida dell’instancabile e frenetica Nadia.

Piu’  volte i partecipanti hanno manifestato sentimenti di apprezzamento e di ringraziamento per le attenzioni a loro prestate,  in un ambiente di vera gioia e serenità.

Preme riaffermare a chi scrive, la necessità di continuare ad inserire nel cerimoniale degli spazi sufficientemente ampi da consentire agli animatori una esauriente illustrazione delle attività programmate a tutti i pellegrini coinvolti.

In conclusione si può affermare che il lavoro svolto, seppur in presenza di qualche piccolo intoppo, è stato costruttivo e positivo.

La presente missiva, relativa al citato pellegrinaggio, è occasione gradita per ringraziare dell’opportunità che ci è stata data, e per rivolgere un fraterno abbraccio a tutto il gruppo degli animatori.

Per  gli animatori presenti                               Lorenzo Mazzega

I commenti sono chiusi.