RELAZIONE DEI REFERENTI GIOVANI

Oggetto: Resoconto Incontro Referenti Giovani Unitalsi Triveneta del 27 ottobre u.s.

Sabato 27 ottobre u.s. presso la sede dell’Unitalsi Triveneta a Bassano del Grappa sono stati convocati i Referenti Bambini e Giovani delle Sottosezioni. Alla riunione risultavano presenti il Presidente della Sezione Dott. Armando Donello, i Referenti Sezionali Alessio Cantarutti e Chiara Scarselletti e risultavano rappresentate le Sottosezioni di Adria, Belluno, Gorizia, Padova, Pordenone, Trieste, Udine, Verona e Vicenza. All’incontro risultavano presenti i referenti giovani, ma non i referenti bambini, ad eccezione delle sottosezioni di Belluno e Padova rappresentati dai rispettivi Presidenti. 

Constatati il numero dei presenti si è deciso di fare un unico incontro, per condividere le informazioni e creare interesse a tutte le iniziative che l’Associazione propone. il Presidente di Sezione ha quindi aperto l’incontro dando il benvenuto ed evidenziando l’importanza di saper cogliere ed elaborare il momento per avviare e portare avanti progetti, come già avviene in diverse realtà del territorio nazionale. Uno degli annosi problemi è rappresentato dal turn-over dei giovani, “…molti ne passano, ma pochi ne restano…”, è un argomento che molte volte è stato sollevato, ma bisogna darsi da fare, collaborando per uno stesso fine.  I giovani possono talvolta essere paragonati a dei contenitori “vuoti”, che hanno bisogno di essere “riempiti” di valori forti, che la nostra Associazione è in grado di trasmettere attraverso la sua missione e il suo carisma. Forse questo è questo l’impegno che ci dobbiamo apprestare a raggiungere in questi tempi. Il Presidente quindi ha ribadito che le forze nuove non mancano, tuttavia si rende necessaria una continuità nella vita associativa.

La parola è passata poi al Referente Bambini che, nonostante in sala non ci fossero i referenti delle Sottosezioni, ha presentato il Progetto Bambini, presentazione voluta per porre l’attenzione su un “campo” su cui pare non venga dedicata molta attenzione. L’attenzione ai piccoli per alcune realtà ha rappresentato la sensibilità verso un mondo che spesso viene dimenticato. Se l’Unitalsi vuol’essere attenta alle marginalità, il Progetto Bambini è un’occasione per imparare a guardare con occhi diversi. “Bambini in Missione di Pace” è un progetto che la Presidenza Nazionale ha avviato già da qualche tempo, in un’ottica di coinvolgimento non solo dei bambini, ma anche delle loro famiglie. Inoltre, seminare fin dalla giovane età, non solo potrebbe assicurare un avvenire per l’Associazione, ma ci dà anche la possibilità di creare una società nuova, in cui l’attenzione al più debole, al più piccolo, a chi sta al margine rappresenta il denominatore comune, obiettivo ambizioso, ma potrebbe essere il nuovo campo di intervento “quotidiano” dell’Unitalsi.

Il progetto bambini inoltre non guarda solo il bambino, ma anche a chi gli sta attorno, le famiglie diventano quindi perno attorno a cui la proposta deve dedicarsi. Si è focalizzata successivamente l’attenzione sulle realtà del territorio dedicate al progetto: Casa Margherita a Padova, le iniziative delle Sottosezioni, l’attività di promozione dell’Associazione del 2 giugno 2012 in collaborazione con le Suore Francescane di Cristo Re a Venezia. Le attività sono ancora in fase embrionale, ma non manca la speranza e la volontà di dedicare loro più attenzione.

E’ stata quindi presentato il programma di massima della proposta di “Bambini in missione di Pace – Barcellona 2012”, viaggio che si terrà dai prossimi 6-12 luglio e che coinvolgerà i bambini e i loro genitori. Il termine ultimo per le iscrizioni è il 30 aprile 2013.

La Presidenza Nazionale ha organizzato 3 lotterie divise per macroaree e la nostra Sezione è stata abbinata alla lotteria di Genova. A tal proposito nel corso dell’Assemblea di Sezione del 6 ottobre u.s. sono già stati distribuiti alle Sottosezioni alcuni blocchetti da 25 biglietti l’uno al costo di 2,50 €/biglietto. I presenti sono stati informati dell’iniziativa e invitati a verificare l’andamento delle vendite, all’occorrenza vi sono altri blocchetti a disposizione.

Dopo aver presentato i progetti dedicati ai bambini, i Referenti dei Giovani hanno riassunto quanto è stato concretizzato a partire dall’ultimo incontro del 25 aprile 2012: è stato creato uno spazio per i giovani nel sito dell’Unitalsi Triveneta, è stata svolta l’attività di promozione a Venezia già ricordata. Al centro della vita associativa di questi mesi è da segnalare il Pellegrinaggio Nazionale dei Giovani a Padova lo scorso maggio: è stato un evento che ci ha coinvolti tutti in prima persona e che ci ha permesso di vivere momenti suggestivi. Siamo riusciti a camminare al passo del più lento e questo ci fa ben sperare: siamo stimolati a rivolgere sempre di più l’attenzione al malato, vero destinatario del nostro servizio.

Per quanto riguarda i progetti proposti, si segnala che Veneto Mariano, il mensile dell’Unitalsi Triveneta, destinerà uno spazio alle attività dei giovani, che sono quindi invitati a scrivere e a spedire articoli e testimonianze di quanto avviene nelle varie realtà; ciò che non verrà pubblicato sul giornale sarà comunque messo in rete sul sito della Sezione.

I Referenti dei Giovani hanno presentato un progetto legato al pellegrinaggio di Sezione a Loreto il prossimo luglio: si pensa di affiancare al pellegrinaggio tradizionale dei momenti forti destinati ai giovani, approfittando anche degli spunti dati dalla Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro, che si terrà nello stesso periodo. Ai referenti si chiedono idee sul modo migliore per far vivere il tempo a loro dedicato all’interno del pellegrinaggio. Sarà possibile comunicare tali proposte alla mail giovani@unitalsitriveneta.it.

La parola è stata quindi lasciata ai giovani, che hanno condiviso le esperienze del proprio territorio. Da tutti sono emerse idee interessanti, talvolta apparentemente di rottura con quella che è la tradizione associativa, ma che rispondono alle richieste dei ragazzi. È stata inoltre manifestata una voglia di collaborare tra Sottosezioni, di abbattere quei confini che talvolta non solo delimitano ma anche chiudono. “Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce”, recita il proverbio: la passione dimostrata dai ragazzi per il servizio e per l’UNITALSI stessa ci dovrebbe far sperare per il futuro e dovrebbe finalmente mettere luce sui tanti alberi che stanno crescendo e mettendo radici nella nostra Sezione. Il desiderio di condividere è vivo e l’idea di mettere in rete le iniziative potrebbe creare occasioni di incontro, di collaborazione, di crescita reciproca!

Ai giovani chiediamo di mettere in comune i propri programmi sia attraverso il gruppo Facebook, sia inviandoli alla nostra casella di posta elettronica (giovani@unitalsitriveneta.it). 

Certi che l’entusiasmo guidato sia un modo per riscoprire una via, auguriamo buon per-CORRERE a tutti.

Il Presidente di Sezione                                                                             I Referenti Giovani di Sezione

  Armando                                                                                                Alessio e Chiara

I commenti sono chiusi.